Associazione Culturale Musicale

La Musicoterapia è una modalità' d'intervento riabilitativo e/o terapeutico nella quale si utilizzano forme di interazione sonoro-musicale nella Relazione tra Soggetto e Musicoterapista (o Musicoterapeuta) con l'obiettivo di promuovere lo sviluppo di potenzialità comunicative, relazionali, cognitive, motorie.
L'esperienza sonoro-musicale e' innata e presente già' durante la gravidanza (anche nelle situazioni di deficit uditivo, attraverso la componente vibro-tattile del suono); ha funzioni di sopravvivenza e di 'contatto' con l'Ambiente, attraverso l'interazione con le figure di accudimento; neurologicamente non interessa aree specifiche ma aree correlate infatti l’esperienza sonoro-musicale attiva più funzioni: percettive, motorie, emotive, linguistiche.

Il Suono e la Musica, intesi nell'accezione più ampia come possibilità' espressivo-comunicativa extra-verbale e pre-verbale, sono nel processo musicoterapico il tramite della relazione affettiva-comunicativa secondo una modalità che ricorda la relazione madre-bambino studiata da D. Stern, studioso e ricercatore nell'ambito della Infant Research: una 'compartecipazione di stati affettivi' che interessa modalità' sonoro-musicali e modalità diverse (senso-motorie, mimico facciali, corporee, prossemiche) in una 'relazione circolare' nella quale l'espressione dell'uno influenza l'espressione dell'altro e viceversa.

Come nelle 'sintonizzazioni affettive' tra madre-bambino così nella seduta musicoterapica si sviluppano 'codici' di comunicazione-espressione che caratterizzano la relazione e consentono al Soggetto lo sviluppo di un apprendimento inteso come una riorganizzazione di capacita' e competenze.

Obiettivi dell'intervento Musicoterapeutico possono essere il facilitare la comunicazione con l'Ambiente, la ri-organizzazione di capacità comunicative e relazionali; il favorire la comunicazione degli stati emotivi; il miglioramento della capacità di regolazione degli stati interni (emozioni) e dei comportamenti della Persona nell'interazione con l'Altro attraverso una specificità sonoro-musicale (pre-verbale) e anche verbale; il miglioramento di capacità cognitive (memoria, attenzione); il miglioramento di capacità motorie e prassiche.

Riferimenti:
1) Levitin D. Tirovolas A. “Current Advances in the Cognitive Neuroscience of Music” p.211-231 Annals of the New York Ac ademy of Sciences (2009)

2) Koelsch S. Brain correlates of music-evoked emotions - PubMed 24552785 (2014)

3) D. Stern 'Il mondo interpersonale del Bambino' Bollati Boringhieri 1985

Questo sito utilizza cookies.